Debito Pubblico, stampa di moneta e uscita dall’Euro

Add your thoughts here… (optional)

dmonarca

Sta montando, in molti dibattiti televisivi, ma soprattutto sui social network più frequentati ( twitter in particolare) un movimento d’opnione molto agguerrito che propugna il ritorno alla sovranitá monetaria con conseguente uscita, forzata o volontaria, dall’Euro. In realtá queste tesi, sostenute sotto il profilo teorico da insigni economisti ( Borghi e Bagnai, solo per citarne alcuni, tra i più attivi contagiatori sui social network), sono spesso spiegate in modo accattivante anche ai non addetti ai lavori e tendono a convincee gli interlocutori che la gran parte dei problemi che ci troviamo ad affrontare in questa crisi che sembra non finire mai, sono di fatto riconducibili alla nostra impossibilitá a stampare moneta, imbrigliati come siamo nelle magli di questo Euro, causa di tutti ( o quasi) i nostri mali.

Chi, come il sottoscritto, frequenta per motivi professionali, molti piccoli e medi imprenditori, si sta rendendo conto di come queste teorie, che…

View original post 56 altre parole

Avvisaglie di caldo

Da qualche giorno non si respira, a parecchie latitudini nel Paese.  Un caldo infernale.

Beh, penso che questo autunno fara’ ancora piu’ caldo.

I Tedeschi hanno cominciato ad armare la loro migliore artiglieria.  Juergen Starck ha gia’ cominciato a fare qualche tiro di prova.  Bersaglio facile: Italia e Spagna.  Meno facile, ma sulla traiettoria, Mario Draghi.

Prepariamoci: la risposta che dovremo dare non sara’ il contrattacco, ma l’azione.  La domanda che noi ci dovremmo porre e’ come stimolare i nostri governanti a correre ai ripari. Viste circostanze e condizioni al contorno, il compito sara’ arduo davvero. Ma le alternative sono davvero poche: i numeri, ahinoi, sono chiari ed inequivocabili.

Dovremo provare ad alzare la temperatura nonostante possa gia’ fare molto caldo.

Sicuramente, dovremo cominciare al nostro interno.

Alleniamoci ad agosto, va…

Per chi….

Per chi l’anno scorso ha sperato, davvero, di poter cambiare qualcosa… per chi, ancora oggi, non riesce ad arrendersi… per chi, comunque, è abbastanza liberale… per chi ritiene, il voto, un dovere… per chi non vuole ricominciare a votare “il meno peggio”… per chi crede che qualcosa si possa FARE… per chi è convinto che qualcosa si debba FARE… per chi considera l’IRONIA… un dono… un’arte… una terapia… per VOI/NOI MENHIR: PAROLE COME PIETRE

“Non posso credere che fossimo solo 80.000 lemmings che seguivano un pifferaio magico… senza diploma di Conservatorio…”