Categorie
Sodo Caustico

Sodo caustico. Il brevetto perduto.

L’innovazione è il seme dello sviluppo industriale ed economico: l’Italia perde terreno sul fronte dei brevetti depositati, scivolando fuori dalla “top 10”. Le richieste di brevetti ricevute dall’European Patent Office nel 2013 sono cresciute dell’1,8% nel 2013 a 265.690: al primo posto gli USA (64.967 richieste) seguiti da Giappone (52.437), Germania (32.022), Cina (22.292),Corea del Sud (16.857); Italia undicesima con 4.663 (-2,7% rispetto a 2012). La Svizzera guida la classifica dei brevetti per abitante con 832 domande ogni milione di abitanti; l’Italia è ferma a 60 domande per milione di abitanti in 18esima posizione (la media è 129 domande per milione di abitanti): “cartina di tornasole” della ridotta capacità innovativa del Belpaese e dell’insufficiente enfasi su istruzione, formazione, specializzazione del sistema-paese. Le imprese italiane più attive nella richiesta di brevetti sono la Lyondellbasell (prodotti petroliferi) ed Indesit con 62 richieste ciascuna, Solvay (53), Tetra Laval (imballaggi: 48), Chiesi farmaceutica (42), Pirelli (41). Sul podio Samsung (2.833), Siemens (1.974), Philips (1.839). Le tecnologie non sono “fluent” con l’italiano.
Pubblicità

Una risposta su “Sodo caustico. Il brevetto perduto.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...